Gruppo Gedi, titolo sospesodopo l'interesse di Exorper le quote di De Benedetti

Il gruppo edita Repubblica e Stampa la famiglia Agnelli detiene solo il 6%

Le azioni Gedi “sono temporaneamente sospese dalle negoziazioni” in attesa di ulteriori comunicazioni. Lo ha stabilito la Borsa Italiana. Oggi infatti si riunisce il comitato di amministrazione di Cir, la holding che controlla il Gruppo, con all’ordine del giorno le trattative tra la finanziaria della famiglia De Benedetti, ed Exor, sotto controllo diretto della famiglia Agnelli.

Exor vorrebbe acquistare la maggioranza delle quote per controllare un gruppo che edita Repubblica, Espresso e La Stampa. Oggi Cir detiene il 43,78% per cento del capitale mentre Exor ha il 5,992 per cento. Meno di un mese fa il gruppo Cir, oggi guidato da Marco De Benedetti, aveva anche subito l’attacco del padre Carlo. Lo storico editore di Repubblica aveva contestato la gestione dei quotidiani e del settimanale da parte dei figli e di non credere più nel business dell’informazione.

Matteo Petri

Giovane studente appassionato di giornalismo, filosofia e musica. Nato nella provincia toscana di Lucca nel 1995, diplomato allo scientifico e laureato in filosofia a Pisa nel 2017. Compulsivamente curioso di natura, assillatore di domande professionista. Vespista, nonché bassista nel tempo libero.