Attentato in Burkina FasoColpita una chiesa cristiana14 morti, tra cui bambini

L'attacco ancora non è stato rivendicato Vescovo Kientega: "Nessuno ci ascolta"

Almeno 14 persone sono morte e altre sono rimaste ferite nell’attacco jihadista a una chiesa protestante in Burkina Faso, durante una funzione religiosa. Tra le vittime vi sarebbero anche diversi bambini. L’attacco è avvenuto nel dipartimento di Fouturi al confine con il Niger. In passato la zona è stata già teatro di aggressioni da parte di gruppi terroristi legati ad al Qaeda e all’Isis.

L’attacco ancora non è stato rivendicato. Dure le accuse del monsignor Justin Kientega, vescovo di Ouahigouya, che ha affermato che “è in atto una persecuzione dei cristiani. Da mesi noi vescovi denunciamo quanto accade in Burkina Faso, ma nessuno ci ascolta. Evidentemente preferiscono tutelare i propri interessi”. Il vescovo sottolinea che si sta mettendo in atto una propaganda islamista per cui i terroristi cercano di innescare un conflitto tra religioni in un Paese in cui i cristiani e musulmani sono sempre andati d’accordo.

Serena Console

Laureata in lingua e cultura orientale (cinese e giapponese) e in Professioni dell'editoria e giornalismo, ha conseguito il tesserino da Pubblicista nel 2017. Attualmente collabora con Radio Bullets, dove si occupa di approfondimenti sulla cultura e società cinese; nel weekend cura il Notiziario Orientale con tutte le notizie dall'Estremo Oriente.