Volante della polizia / Foto Ansa

Il trapper Baby Touchèindagato per detenzionedi armi ed esplosivi

Perquisizione domiciliare a Padova Il trapper già nei guai per le faide

PADOVA – Il trapper padovano Baby Touchè è indagato per detenzione abusiva di armi ed esplosivi. La perquisizione domiciliare nella casa del trapper, da parte della squadra Mobile di Padova, è avvenuta dopo la pubblicazione di un videoclip di poco più di un minuto intitolato «Questa è Padova” e in cui impugnava delle armi.

In un’altra clip il trapper lanciava una bottiglia incendiaria contro una targa che mostrava la sigla della provincia di Padova. Baby Touchè era già al centro di indagini per porto abusivo di armi e sulle faide fra giovani trapper. Tra gli elementi sequestrati nell’abitazione di Padova un machete con una lama di 54 centimetri e delle pistole, che si sono poi rivelate delle semplici repliche da softair.

 

 

Alessandro Raeli

Nato nel '98 nella terra del sole, del mare e del vento. Mi sono laureato in Interpretariato e Comunicazione all'Università Iulm di Milano, dove ho successivamente conseguito la laurea magistrale in Traduzione Specialistica. Appassionato di Formula 1 e dello sport in generale, sogno di diventare giornalista sportivo.