L'ex presidente della Juventus Andrea Agnelli in compagnia di John Elkann | Foto Ansa

Juventus e caso plusvalenzeOra il processo a rischioper una nuova carta segreta

Giorgetti: "Non escludo novità Stiamo riflettendo sulla normativa"

TORINO – La presenza di una nuova carta segreta, la nota 10940 datata 14 aprile 2021, consentirebbe secondo la difesa bianconera la valutazione dell’inammissibilità dell’intero processo al Collegio di garanzia presso il Coni. Lo ha rivelato oggi il quotidiano sportivo Tuttosport.

Per la Juventus la nota avrebbe dovuto far parte della documentazione relativa alle indagini e quindi messa a disposizione delle parti. Un eventuale vizio di forma che potrebbe ribaltare l’intero processo, in quanto il Collegio di garanzia valuta solo questioni di legittimità. Per il team bianconero di avvocati l’iter processuale doveva iniziare in quel momento con la Procura che aveva 30 giorni per l’iscrizione della notizia nel registro e 60 giorni per la durata delle indagini.

Tuttavia per il procuratore Giuseppe Chiné e per gli inquirenti la carta segreta non fa parte della documentazione acquisita nell’ambito del procedimento disciplinare e dalla stessa Procura che ha ribadito che la nota del 14 aprile 2021 non costituisce atto d’indagine e rimane estranea al fascicolo e all’attività istruttoria.

Giorgetti e le plusvalenze delle società sportive

Nel frattempo il ministro dell’Economia Giancarlo Giorgetti si è espresso in merito al fenomeno delle plusvalenze a “Telefisco”: “Si dà per scontato che ci sia stato un ricorso sistematico a plusvalenze fittizie nel mondo delle società”. L’indagine del Ministero dell’Economia e delle finanze è in corso: “Stiamo riflettendo se la normativa fiscale fotografa in modo coerente e corretto questo fenomeno. Non escludo novità”.

La Juventus e il caso plusvalenze

Al momento la Juventus ha ricevuto la condanna della Corte d’Appello federale con i quindici punti di penalizzazione in classifica. Per il club bianconero l’attesa riguarda l’arrivo delle motivazioni: i giudici hanno dieci giorni di tempo per scriverle ed è plausibile che si vada a lunedì 30 gennaio, quando potrebbe arrivare la proroga di 40 giorni per la chiusura delle indagini sulle manovre stipendi.

La chiusura del filone bis sulle plusvalenze con le società “amiche della Juve” indicate nelle carte della Procura di Torino in Sampdoria, Atalanta, Sassuolo, Empoli e Udinese è fissato per il 22 febbraio.

Rosario Federico

Nato a Napoli il 20 giugno 1998. Laureato in Scienze della Comunicazione, Informazione e Marketing alla LUMSA. Master di I livello in Radiofonia all'Università Suor Orsola Benincasa di Napoli. Appassionato di Cinema e Serie Tv.