Un altro misterioso delitto nella notte a Perugia, 24enne ucciso in casa. Ferita la fidanzata che era con lui

Un nuovo mistero scuote il capoluogo umbro proprio nel giorno della sentenza di Cassazione per l’omicidio di Meredith. Un perugino di 24 anni, Alessandro Polizzi, impiegato nell’azienda paterna, è stato ucciso, la scorsa notte, a colpi di pistola, nella sua abitazione nel quartiere di Madonna Alta, nella zona tra lo stadio di Perugia e la stazione ferroviaria di Fontivegge. Ferita, in maniera non grave, sempre a colpi d’arma da fuoco, la fidanzata 20enne che era con lui, Julia Tosti, di Castiglione del Lago. Secondo una prima ricostruzione, a sparare sarebbe stato un uomo arrivato da fuori che, con il volto coperto da un passamontagna, avrebbe sfondato a calci la porta dell’appartamento di via Ricci, al terzo piano, prima di sparare. Poi sarebbe fuggito a piedi. L’allarme è stato dato dai vicini che avrebbero sentito i rumori ma avrebbero chiamato la polizia solo dopo lo sparo. La volante è intervenuta verso le 3,15. Al loro arrivo gli agenti hanno trovato i due giovani, risultati poi incensurati: secondo quanto si è appreso il corpo senza vita del giovane, è stato trovato nel corridoio, non si sa ancora colpito da quanti colpi. La 20enne sarebbe stata invece ferita al braccio e si trova in ospedale. Lo sconosciuto ha fatto fuoco, con una vecchia pistola calibro 34 uccidendo il ragazzo praticamente sul colpo. I due giovani convivevano da poco tempo nella casa della nonna di lei. I vicini li descrivono come “ragazzi tranquilli”. La squadra mobile sta ora ricostruendo quanto successo. Secondo alcune indiscrezioni, ancora non confermate, si starebbe indagando tra i conoscenti della giovane. Tra le ipotesi prese in considerazione c’è quella della gelosia ma al momento nessun’altra possibilità viene trascurata.

 Mariangela Cossu