Il conduttore Daniele Piervincenzi in occasione della trasmissione Rai: #ragazzicontro, in una foto diffusa il 31 ottobre 2019. ANSA/UFFIICO STAMPA RAI ++HO - NO SALES EDITORIAL USE ONLY++

Su Rai2 #Ragazzicontroil format di Piervincenziche dà voce ai giovani

Puntata focalizzata sui social network smentita la presenza di Chef Rubio

La chiamano “Generazione Z”, quella dei giovani “bravi coi social”. Conosciuti anche come “Post Millennials”, sono tutti i ragazzi nati tra la metà degli anni ’90 e la fine degli anni 2000 che vivono immersi nella tecnologia e nei social media e il cui processo di socializzazione passa attraverso il digitale. A loro è dedicata la seconda puntata di #Ragazzicontro, il nuovo format di Daniele Piervincenzi in onda questa sera alle 23.20 su Rai2.

L’ex cronista di “Nemo” sarà a Milano, nell’istituto di Istruzione Superiore Curie Sraffa, per incontrare gli studenti e parlare con loro di social network e di come questi influenzano e modificano la vita degli adolescenti. A metà tra il docureality e il talk, il programma ospiterà anche un dibattito su cyberbullismo e odio online, con una guida su “come difendersi dagli haters”. Tra le testimonianze, un’intervista a Paolo Picchio, padre di Carolina, la 14enne di Novara che nel 2013 si è tolta la vita dopo essere stata vittima di umiliazioni da parte di alcuni compagni.

Ogni puntata si svolge su un doppio binario. Dopo un confronto in classe, i ragazzi si raccontano attraverso una sorta di confessionale autoprodotto al di fuori del contesto scolastico: delle videostorie in cui sono liberi di esprimersi, svelare e forse provare ad affrontare le loro paure e difficoltà. Un percorso collettivo e personale per ciascuno dei partecipanti, che anche dietro l’anonimato – hanno l’opportunità di affrontare un vissuto talvolta molto più difficile e complesso di quanto si possa immaginare.

La rete intanto fa sapere che, contrariamente a quanto annunciato in un primo momento, nella puntata di oggi (registrata il 9 ottobre) non sarà presente alcun contributo audiovisivo riguardante Chef Rubio “per questioni di opportunità”.

Massimiliano Cassano

Napoletano trapiantato a Roma per inseguire il sogno di diventare giornalista. Laureato in Mediazione linguistica e culturale, ossessionato dall’ordine. Appassionato di politica, arte, Lego, calcio e Simpson. Arbitro di calcio da giovanissimo per vocazione.