Scuole sicure, primi arrestidurante i blitz antidrogaalla riapertura delle aule

L'operazione è giunta al quarto anno Salvini: "Colpiamo chi vende morte"

“È solo il primo passo della guerra che faremo a chi vende morte ai nostri figli”. L’annuncio è del ministro dell’Interno Matteo Salvini, che presenta l’operazione Scuole sicure, giunta ormai al quarto anno. Con l’apertura dell’anno scolastico riparte quindi l’iniziativa condotta dalla Guardia di finanza con il supporto del reparto antidroga. Diverse le persone arrestate con l’accusa di detenzione di sostanze stupefacenti a fini di spaccio, resistenza e violenza a pubblico ufficiale.

“Abbiamo investito in sicurezza circa 2,5 milioni di euro – dice Salvini – per rafforzare la vigilanza fuori dalle scuole”. A Macerata la Polizia di Stato ha bloccato un gambiano e un nigeriano che spacciavano nei pressi di alcuni istituti scolastici. La settimana scorsa ad Avellino un ragazzo italiano è stato trovato in possesso di diversi tipi di droga, un coltello e 300 euro. Il ministro ha ringraziato la Polizia di Stato per il lavoro svolto.

Giordano Contu

Studia e vive a Roma. Nato in Sardegna, ma pisano di adozione, ha studiato Filosofia estetica e ha collaborato al quotidiano Il Tirreno. Si interessa di politica e cultura. Cura quotidianamente i social network. È impegnato socialmente e politicamente. Ama i paesaggi, la fotografia e il mare.