Slitta l'apertura di barparrucchieri e ristoranti"Pronti a proteste online"

Il presidente della Confesercenti "Riaprire subito. Siamo in ritardo"

Bar, ristoranti, parrucchieri ed estetisti dovranno attendere l’inizio di giugno per poter riaprire. Ma per i commercianti è troppo tardi. Due titolari di un negozio di parrucchiere a Padova, ieri, si sono incatenati in segno di protesta contro le misure anti-contagio. E il dissenso potrebbe propagarsi.

Secondo il quotidiano Il Tempo, i commercianti di Roma si starebbero organizzando per una protesta spontanea in piazza. Ma Valter Giammaria, presidente della Confesercenti, smentisce: “Per una manifestazione ci vuole l’autorizzazione della Questura. Non è possibile in questo momento”. Però i titolari dei negozi stanno pensando ad altre forme di protesta per mostrare il loro scontento. “Si potrebbero organizzare delle proteste online”, prosegue Giammaria, “ad esempio, tutti inviano delle mail nella casella postale del governo con la richiesta di apertura. Stiamo valutando”. L’obiettivo è quello di ottenere la riapertura subito: “Siamo in ritardo rispetto alle altre Nazioni”, commenta Giammaria, “si parlava prima di riaprire il 4, poi l’11 e ora il 18. Noi vogliamo aprire ora e siamo attrezzati per farlo”.

Per la Fipe, che rappresenta baristi e ristoratori, la misura è colma. “I nostri dipendenti stanno ancora spettando la cassa integrazione, il decreto liquidità stenta a decollare”, si legge nel comunicato. “Riaprire a giugno significa che ci saranno altri 9 miliardi di danni, che portano le perdite stimate a 34 miliardi in totale dall’inizio della crisi. Forse non è chiaro che si sta condannando il settore della ristorazione e dell’intrattenimento alla chiusura. Moriranno oltre 50 mila imprese e 350 mila persone perderanno il loro posto di lavoro”.

Anche Confcommercio attacca il governo. “Ogni giorno di chiusura in più produce danni gravissimi e mette a rischio imprese e lavoro”. È categorico il presidente di Confcommercio, Carlo Sangalli, all’indomani delle disposizioni annunciate dal Presidente del Consiglio per la fase 2, che rinvia la riapertura di esercizi commerciali e attività.

Ora bisognerà vedere come il governo reagirà allo scontento dei commercianti.

Alessandro Rosi

Il basket lo appassiona mentre la scrittura lo emoziona. Nato a Roma nel 1989, intraprende la carriera giuridica fino ad ottenere l’abilitazione alla professione forense, ma nel frattempo viene stregato dal mondo del giornalismo. Come dice John Lennon: “La vita è ciò che ti succede mentre stai facendo altri progetti”.