Strava, l'app che permettedi individuare le mossedei soldati Usa in Iraq

In questo modo i terroristi dell'Isis ricevono informazioni preziose

Strava, una delle app più utilizzate dai runner per tracciare i propri percorsi, ha appena pubblicato una mappa mondiale che mostra tutti gli itinerari compiuti dai propri utenti. Nulla di male se non fosse per quanto si stia rivelando un’arma pericolosa: permette di individuare le mosse dei militari americani in posti sensibili come l’Iraq, l’Afghanistan e la Siria.

In questo modo i terroristi islamici dell’Isis hanno informazioni preziose per pianificare attacchi e imboscate. A lanciare l’allarme è stato un analista dell’Institute for United Conflict Analysts, Nathan Ruser su Twitter: «Strava ha rilasciato la mappa mondiale, 1,3 miliardi di localizzazioni Gps. È molto bella ma non buona per le operazioni segrete e le basi militari americane che sono identificabili”. In Iraq sulla mappa sono ben evidenti le basi americane e delle forze alleate che combattono l’Isis come quella di Taji, a nord di Bagdad, o Qayyarah a sud di Mosul e Al-Asad nella provincia di Anbar. Altre postazioni militari meno note o percorsi di routine vengono indicate dall’applicazione che rivela tutta la sua pericolosità: «Le basi americane sono chiaramente identificabili — dice l’analista al Guardian – se i soldati usano l’applicazione come la gente normale facendo vedere dove vanno ad allenarsi potrebbe essere molto pericoloso».

Il Dipartimento della Difesa americano ha fatto sapere di stare analizzando la situazione. «Rivelazioni recenti hanno enfatizzato la necessità che il personale militare faccia attenzione alle informazioni che condivide» ha detto la portavoce del Pentagono Audricia Harris. Dalla Strava Labs sottolineano che chi usa l’applicazione può decidere di non rendere pubblici i propri movimenti. Evidentemente i soldati dispiegati nel mondo, invece, hanno preferito condividere i dati.

 

Nancy Calarco

Nasce a Bologna nel 1993. Frequenta la Facoltà di Giurisprudenza di Bologna, laureandosi in Consulente del lavoro e delle relazioni aziendali. Ha studiato inglese a Toronto ottenendo il certificato linguistico IELTS. Ha svolto l’Erasmus Placement a Londra lavorando per una società di consulenza. Appassionata di libri, viaggi e fotografia, estremamente critica e curiosa.