Volante della polizia/Foto Ansa

Violenza ai Navigli la pm chiede il processo per i presunti stupratori

Le riprese degli abusi nel locale e i video pubblicati in rete

MILANO – Per la Procura di Milano la manager di 32 anni violentata lo scorso marzo nei pressi di un locale dei Navigli da tre ragazzi, di cui i due titolari del bar, non era in grado di dare alcun consenso poiché era stordita dall’alcool. Per questo la pm Alessia Menegazzo ha chiesto il processo per i tre presunti stupratori, tra i 23 e i 27 anni, ritenendo che abbiano approfittato delle sue condizioni di debolezza e stordimento tali da non consentire, la mattina dopo, di ricordare quanto accaduto.

Stando alla denuncia, la donna dopo aver bevuto molto si è svegliata la mattina dopo nel suo letto senza ricordare nulla ma accusando forti dolori. Allora ha deciso di andare alla clinica Mangiagalli, al centro antiviolenza. Secondo quanto ricostruito dagli inquirenti, i tre uomini avrebbero approfittato della manager portandola in una cantina accanto al locale dove l’avrebbero violentata, filmando l’abuso con un telefonino e pubblicandolo in rete. Gli uomini avrebbero anche sottratto la carta di credito alla donna, e l’avrebbero usata per alcuni acquisti.

Beatrice Subissi

Nata a Roma. Sono laureata in Editoria e Scrittura presso l'Università di Roma La Sapienza e aspiro a diventare una giornalista professionista. Sono appassionata di politica internazionale, moderatamente polemica e cinica ma estremamente gentile.