Torna la Champions LeagueDomani Inter e Milan non devono sbagliare

Emergenza avanti per la Juventus Dybala assente contro il Chelsea

Martedì 28 e mercoledì 29 settembre torna l’appuntamento con la seconda giornata della Champions League. Domani sarà il turno delle due milanesi. L’Inter affronterà lo Shakhhtar Donetsk, mentre il Milan ospiterà l’Atletico Madrid. Mercoledì invece in campo Juventus e Atalanta. La squadra di Massimiliano Allegri affronterà in casa il Chelsea, mentre la squadra allenata da Gian Piero Gasperini allo Gewiss Stadium giocherà contro lo Young Boys.

Quelle di domani per le milanesi sono due partite chiave. Nel gruppo B, i rossoneri, reduci dal ko con il Liverpool nella prima giornata, affronteranno la squadra di Diego Simeone, che lo scorso anno ha vinto la Liga e all’esordio ha pareggiato 0-0 con il Porto. Nel gruppo D, invece, la squadra di Simone Inzaghi affronterà lo Shakhtar Donetsk. Una sfida importante in cui l’Inter, reduce dalla sconfitta 3-0 contro il Real Madrid, non dovrà commettere passi falsi. Stesso discorso per la compagine allenata da Roberto De Zerbi, battuto a sorpresa all’esordio stagionale in Champions dai moldavi dello Sheriff Tiraspol a 3 punti in classifica con la squadra di Carlo Ancelotti. Per Inzaghi naturalmente la speranza è avere la meglio, archiviando così il doppio 0-0 della scorsa edizione contro Shakhtar.

Attesa è anche la sfida Juventus-Chelsea di mercoledì 29 settembre. Battuta ieri la Sampdoria, per Allegri è emergenza in avanti. Dybala e Morata infatti saranno indisponibili contro la squadra di Thomas Tuchel. Le lacrime del numero 10 della Juve, dopo appena 20 minuti di gioco del match contro la Samp, non sono passate inosservate. In quel pianto inconsolabile del calciatore argentino, costretto a lasciare il campo per un problema muscolare alla coscia sinistra, sembrerebbe esserci la consapevolezza di lasciare la squadra in due partite importanti per il proseguo della stagione in salita bianconera: quelle con il Chelsea in Champions League e il derby di campionato in casa del Torino.

Gabriele Crispo

Sono Gabriele Crispo, ho 27 anni e sono laureato in giurisprudenza. Ho conseguito un master in giornalismo alla Eidos Communication e svolto per un periodo la pratica forense.