epa06590351 US President Donald J. Trump delivers remarks before signing a presidential proclamation on steel and aluminum tariffs, in the Roosevelt Room of the White House in Washington, DC, USA, 08 March 2018. President Trump is imposing tariffs on steel and aluminum imports. A decision to impose the tariffs on Canada or Mexico will not be decided until negotiations on the North American Free Trade Agreement (NAFTA). EPA/MICHAEL REYNOLDS

Trump: "L'Europa si riprendagli 800 combattenti Isisaltrimenti li libereremo"

Tra questi ci sono anche alcuni italiani Annunciata la vittoria sul Califfato

“Gli Stati Uniti chiedono a Gran Bretagna, Francia, Germania e agli altri alleati europei di riprendere oltre 800 combattenti dell’Isis catturati in Siria e processarli. Il califfato sta per cadere. L’alternativa non è buona in quanto saremo costretti a rilasciarli”. Così si è espresso il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, attraverso Twitter, annunciando una vittoria “al 100%” sul Califfato e il ritiro delle truppe americane dalla Siria.

Trump ha proseguito dicendo che “gli Stati Uniti non vogliono guardare come questi combattenti dell’Isis entreranno in Europa, perché è lì che vorrebbero andare. Facciamo così tanto e spendiamo così tanto. Adesso è il momento che gli altri facciano un passo avanti e facciano ciò che sono così capaci di fare”.

Il motivo per cui gli Stati Uniti fanno pressione sui governi europei affinché si riprendano i propri “foreign fighters” è dato dal fatto che, non essendoci un apparato statale in Siria, non è possibile processare i prigionieri cittadini di altri Paesi. La scorsa settimana il Quay d’Orsay ha stabilito il rimpatrio di 130 miliziani, più le loro famiglie, nei relativi Stati europei.

Tra questi ci sono anche alcuni italiani: si tratta di Samir Bougana, bresciano di 24 anni, e Meriem Rehaily, ventitreenne di Padova che nel Califfato ha avuto due figli. Seppur in numero minore rispetto ad altri paesi europei, non è da escludere che ulteriori militanti Isis con cittadinanza italiana si possano aggiungere al conto.

In caso di rimpatrio, per gli adulti legati all’Isis si prospetta il carcere. Preoccupa però la possibilità che, una volta in prigione, queste persone possano avviare delle campagne di reclutamento tra i detenuti. Secondo il Dap, il Dipartimento dell’amministrazione penitenziaria, attualmente in Italia sono almeno 242 gli individui a rischio, divisi nelle carceri di Sassari, Nuoro, Cosenza e Asti.

Francesco Muccino

Nato a Roma nel 1991, sono laureato in Scienze della Comunicazione. Di carattere altruista ed amante della scrittura, sono da sempre interessato all’ambito giornalistico e partecipo al Master della Lumsa per comprendere meglio quale potrà essere il mio percorso di vita.