Bombardamento a Kramatorsk, due morti e sei feriti, colpiti un edificio residenziale e un edificio amministrativo, 18 marzo 2022. ANSA/(GOVERNATORE DELLA REGIONE DI DONETSK ++ HO - NO SALES EDITORIAL USE ONLY++

Ucraina, Soledar distruttadai russi, ma Kiev negala conquista della città

Gerasimov a capo delle truppe di Mosca Continuano gli scontri in tutto il Paese

KIEV – Per avanzare nella cittadina del Donetsk “i russi si muovono direttamente sui corpi dei loro soldati caduti”. È la dichiarazione rilasciata dalla vice ministra della Difesa di Kiev, Hanna Malyar, dopo il violento attacco russo ai danni della città di Soledar. Secondo il consigliere della presidenza ucraina Mykhailo Podoliak quello che si sta svolgendo nella città mineraria “è lo scenario più sanguinoso di questa guerra”. Ma le autorità ucraine – a cui fa eco Washington – non confermano la conquista della città da parte dei russi, e secondo Malyar “nonostante la difficile situazione, i soldati ucraini combattono disperatamente.”

Gli scontri continuano anche nel resto del Paese. Ieri le forze armate russe hanno attaccato Zaporizhzhia e non ci sarebbero state vittime, ma infrastrutture e abitazioni sono state danneggiate. Le esplosioni continuano a scuotere anche Kherson, dove sono state colpite case e strutture sanitarie. Per il vice capo della direzione operativa principale delle forze armate ucraine Alexei Gromov “l’obiettivo principale del nemico è impadronirsi dell’intero territorio del Paese” e per questo l’esercito russo “continuerà a lanciare missili e attacchi aerei sulle infrastrutture critiche”.

Proprio ieri Putin ha nominato il nuovo capo delle operazioni russe in Ucraina Valery Gerasimov, il capo di stato maggiore delle forze armate di Mosca. Gerasimov ha sostituito Sergei Surovikin, che ha guidato per tre mesi soltanto quella che in Russia continua a essere chiamata “operazione militare speciale”. Il cambio del comandante segnala l’insoddisfazione del capo del Cremlino per gli sviluppi sul campo, mossa che non è passata inosservata nel panorama internazionale. La portavoce della Casa Bianca Karine-Jean Pierre, infatti, ha commentato che la Russia “sta attuando molti cambiamenti”.

Intanto il ministro delle Imprese e del Made in Italy Adolfo Urso e il presidente di Confindustria Carlo Bonomi sono arrivati a Kiev. Incontreranno i vertici del governo e delle istituzioni ucraine, per illustrare gli impegni italiani nel campo degli aiuti umanitari, sociali ed economici e discutere di cooperazione industriale e tecnologica.

Nella foto in alto una città ucraina nel Donetsk colpita dai bombardamenti, Ansa. 

Veronica Stigliani

Laureata in Relazioni Internazionali presso l’Università di Bologna nel 2019 con una tesi intitolata "States and non-state actors in the Middle East", collaboro con The Euro-Gulf Information Centre (EGIC), OSMED-Osservatorio sul Mediterraneo e La fionda.