Alex Zanardi dimesso lascia l'ospedale di Vicenzadopo 76 giorni di cure

Il ricovero più lungo da giugno 2020 Il primario: "È stato stabilizzato"

Alex Zanardi torna a casa dopo 76 giorni. Il campione paralimpico di handbike lascia per la seconda volta l’ospedale San Bortolo di Vicenza dove era ricoverato dal 3 agosto. “Il paziente è stato stabilizzato” ha detto il primario Giannettore Bertagnoni. 

Zanardi è affidato alle cure mediche degli specialisti da oltre due anni, dopo il terribile incidente del 19 giugno 2020, quando si scontrò con un camion sulla strada tra Pienza e San Quirico d’Orcia, in Toscana. In questa occasione il campione bolognese riportò ferite gravissime.

La moglie Daniela Manni e il figlio Niccolò, già nell’aprile del 2021 si erano rivolti all’ospedale vicentino per il recupero fisico e cognitivo del campione bolognese. 

Questa volta a costringere Zanardi al ricovero era stato l’incendio dei pannelli fotovoltaici della sua villa di Noventa Padovana, gli stessi che consentono il funzionamento dei macchinari necessari alla sua riabilitazione. Le fiamme avevano seriamente danneggiato l’abitazione e compromesso irrimediabilmente la funzionalità degli apparati installati per la sua ripresa neurologica e fisica. 

E’ stato lo stesso primario Bertagnoni a seguire l’ex campione, consentendo l’accesso alla sua camera ospedaliera “blindata” solo a familiari più stretti e fisiatri, fisioterapisti, logopedisti, infermieri. “In questi mesi il nostro principale obiettivo è stato di stabilizzare le condizioni cliniche generali di Zanardi”. Queste le parole dello stesso primario che ha poi sottolineato quanto “il San Bortolo resterà un punto di riferimento medico anche per il futuro”. 

Zanardi, dopo l’incidente del Lausitzring del 15 settembre 2001, nel quale perse l’uso delle gambe, è diventato uno dei più grandi sportivi paralimpici di tutti i tempi con le sue vittorie nella handbike. Nel suo palmares 4 ori paralimpici e 12 mondiali conquistati tra il 2011 e il 2019.