Presidenziali in ArgentinaVince Alberto Fernandez Macri fermo al 40 per cento

Il peronismo torna al potere Il mandato inizierà il 10 dicembre

Reazione di giubilo per gli argentini dopo l’annuncio della vittoria di Alberto Fernandez alle presidenziali. Il peronista di centro sinistra prende il posto del suo principale sfidante, il presidente uscente Maurizio Macri, sconfitto con circa 7 punti di distacco. Già nel pomeriggio di ieri, le tv locali avevano anticipato, senza offrire cifre precise, un’“ampia vittoria del candidato peronista di centro sinistra”.
Il nuovo capo di Stato, che inizierà il suo mandato il 10 dicembre, avrà come vice la ex presidente Cristina de Kirchner, il cui partito riconquista anche la provincia di Buenos Aires, ma non si afferma nella capitale.
Fernandez già presenta quelli che sono i suoi obiettivi: “Costruire il paese che sognarono i nostri uomini e donne migliori”.
Anche la borsa si muove per arginare un crollo finanziario durante il periodo di transizione presidenziale. Secondo quanto riportato dall’agenzia Bloomberg, la Banca centrale ha ridotto il tetto degli acquisti mensili di dollari americani da parte dei risparmiatori da 10.000 a 200 dollari.

Serena Console

Laureata in lingua e cultura orientale (cinese e giapponese) e in Professioni dell'editoria e giornalismo, ha conseguito il tesserino da Pubblicista nel 2017. Attualmente collabora con Radio Bullets, dove si occupa di approfondimenti sulla cultura e società cinese; nel weekend cura il Notiziario Orientale con tutte le notizie dall'Estremo Oriente.