Brexit, voto in Parlamentofissato per il 15 gennaioL'anticipazione della Bbc

Pressing sulla May da 200 parlamentari per escludere l'uscita senza un accordo

Sarà il prossimo 15 di gennaio l’ultima votazione in Parlamento sul piano Brexit della premier Theresa May, almeno secondo quanto riporta il sito della Bbc, citando fonti governative. Il voto era stato rimandato il mese scorso dalla stessa May per paura che il suo accordo non venisse votato. Ufficialmente il Regno Unito dovrebbe uscire dall’Unione Europea il prossimo 29 marzo.

L’emittente principale del servizio pubblico radiotelevisivo inglese rivela anche l’esistenza di una lettera firmata da oltre 200 parlamentari, sia conservatori che laburisti, indirizzata alla premier May per esortarla a escludere un’uscita dall’Unione senza prima avere un accordo valido con Bruxelles. Il pressing dei parlamentari, capeggiati dalla deputata Tory Caroline Spelman e dal deputato Labour Jack Dromey, deriva dalla preoccupazione che una Brexit senza un buon accordo possa portare a consistenti perdite di posti di lavoro. I firmatari appartengono a entrambi gli schieramenti referendari, Leave e Remain, di tre anni fa. Spelman e Dromey insieme a una piccola delegazione dell’ampio gruppo incontreranno Theresa May domani.

Fuori dal coro, invece, la voce di Boris Johnson. L’ex ministro degli Affari esteri ha affermato che l’opzione di una Brexit senza accordo sarebbe senza dubbio “più vicina a ciò che la gente ha votato” nel referendum del 2016. La partita non appare quindi del tutto chiusa e l’incertezza per le sorti della ratifica dell’accordo rimane al centro della politica britannica. Molti nei mesi scorsi avevano portato avanti la richiesta di un secondo referendum, sicuri di ribaltare il risultato del 23 giugno di tre anni fa, ma di fatto la possibilità sembrerebbe sfumata visti tempi molto ristretti imposti da Bruxelles.

Matteo Petri

Giovane studente appassionato di giornalismo, filosofia e musica. Nato nella provincia toscana di Lucca nel 1995, diplomato allo scientifico e laureato in filosofia a Pisa nel 2017. Compulsivamente curioso di natura, assillatore di domande professionista. Vespista, nonché bassista nel tempo libero.