Mancini perde pure ChielliniDomani Italia e Svizzerasi giocano un posto in Qatar

In palio c'è il primato nel girone oltre 52mila spettatori all'Olimpico

L’Italia di Roberto Mancini ha perso pezzi importanti in vista del match di domani contro la Svizzera. Oltre ai centrocampisti della Roma, Pellegrini e Zaniolo, il ct dovrà fare a meno del bomber della Lazio, Ciro Immobile, e del capitano della Nazionale e della Juventus, Giorgio Chiellini. La partita vale il primo posto nel gruppo C e la qualificazione ai mondiali del Qatar del 2022. Gli azzurri, infatti, hanno 14 punti, a pari merito con la squadra guidata da Murat Yakın, e un vantaggio di due gol nella differenza reti.

Il capitano bianconero ha lasciato Coverciano per un infortunio muscolare all’adduttore. Ai microfoni di Rai Sport, Chiellini ha spiegato: “Pensavo fosse qualcosa di più lieve. In realtà mi sono reso conto che avevo bisogno di più giorni di riposo per recuperare”. Il difensore aveva provato a stringere i denti ma ha gettato la spugna davanti al dolore e così entro domani Mancini dovrà decidere chi affiancare a Leonardo Bonucci. Entrambi erano rimasti fuori dall’ultima partita della Juventus contro la Fiorentina per un affaticamento muscolare.

In lizza il laziale Acerbi e il romano Mancini. Un’ulteriore opzione è rappresentata da Bastoni, che però non è al meglio delle condizioni. Come il neroazzurro anche il compagno di squadra Nicolò Barella. A centrocampo pesa l’assenza di Marco Verratti. Mancini in sostituzione di Zaniolo e Pellegrini ha convocato il debuttante Cataldi.

Domani però gli Azzurri, nonostante i problemi fisici della rosa, potranno contare sul tifo dell’Olimpico. Si annunciano, infatti, oltre 52 mila spettatori, il  75% di capienza massima prevista dal Cts. Attualmente sono tre le squadre già certe di partecipare al prossimo mondiale: oltre al Qatar, paese ospitante, hanno centrato la qualificazione la Germania e la Danimarca.

Gabriele Crispo

Sono Gabriele Crispo, ho 27 anni e sono laureato in giurisprudenza. Ho conseguito un master in giornalismo alla Eidos Communication e svolto per un periodo la pratica forense.