Italian Prime Minister Mario Draghi attends a press conference at the Chigi Palace in Rome, Italy, 05 October 2021. ANSA/Roberto Monaldo / POOL

Draghi al Med Dialogues"Flussi aumentati 6 volteserve politica comunitaria"

"Migrazione legale è una risorsa" Attenzione a dossier israelo-palestinese

Nel suo intervento alla conferenza “Rome Med – Mediterranean Dialogues”, un incontro annuale promosso dal ministero degli Affari esteri e dall’ISPI (Istituto italiano di studi di politica internazionale) per ripensare gli approcci politici nell’area del Mediterraneo, il premier Mario Draghi ha parlato di migranti, politiche europee e delle tensioni tra Israele e mondo arabo.

Riguardo al flusso migratorio dall’Africa settentrionale alle coste europee, che “è aumentato di 6 volte rispetto al 2019”, Draghi rimarca ancora una volta l’importanza di “una gestione collettiva europea, in un equilibrio fra responsabilità e solidarietà”. In tema migrazione, sottolinea il presidente del Consiglio, l’obiettivo è “proteggere i più deboli con cordoni umanitari dai paesi più vulnerabili, rafforzare i flussi legali, che sono una risorsa e non una minaccia per la nostra società”.

Per quanto riguarda Israele, invece, Draghi dichiara di guardare “con attenzione al percorso di normalizzazione col mondo arabo. “Le recenti crisi di Gaza – sottolinea il premier – dimostrano la necessità di riavviare gli sforzi internazionali a favore del processo di pace”. La soluzione, nelle parole dell’inquilino di Palazzo Chigi, è quella dei due Stati, “praticabile, giusta e direttamente negoziata dalle parti coinvolte”.

Niccolò Pescali

Diploma scientifico. Laurea in Sociologia. Mi approccio alla scrittura perché coi numeri ci azzecco poco. Inizio la gavetta dai fangosi campi da calcio delle serie minori bergamasche. Mi sono occupato anche di musica, cultura, politica e basket. Voglio scrivere di un mondo complesso a parole semplici, senza semplificare troppo. Critico. Ma anche leggero. Mi interessano gli esseri umani e (quasi) tutto ciò che fanno. Amo lo sport, per l’energia che emana.