Il comune di Sirmione in secca sul lago di Garda, effetto dei cambiamenti climatici | Foto Ansa

Giornata mondiale dell'acqual'allarme lanciato dall'Onu"Rischio crisi globale"

In 2 miliardi sono senza acqua potabile Papa Francesco: "Bene da preservare"

ROMA – “Il mondo sta ciecamente camminando su una strada pericolosa con l’insostenibile uso di acqua, l’inquinamento e il surriscaldamento climatico che stanno drenando la linfa vitale dell’umanità”. Così il segretario generale dell’Onu, Antonio Guterres, in occasione della Giornata mondiale dell’acqua, ha lanciato l’allarme di un rischio di crisi imminente globale,

Il tema del World Water Day di quest’anno è accelerare il cambiamento per risolvere la crisi sanitaria e idrica. Secondo il rapporto dell’Onu, circa due miliardi di persone non hanno l’accesso ad acqua potabile sicura mentre 3,6 miliardi non dispongono di servizi sanitari adeguati.

Le iniziative del governo contro la siccità

Come ha sottolineato Maria Cristina Caretta, vicepresidente della commissione Agricoltura della Camera “la cabina di regia istituita dal governo Meloni è impegnata nell’adozione di interventi infrastrutturali di medio e lungo periodo tramite un piano idrico strategico nazionale”. E ha voluto spiegare i punti cardine delle iniziative del governo in merito al tema: “Aumentare gli invasi, riutilizzo delle acque reflue e il contenimento degli sprechi”. Il ministro per la Protezione civile e per le Politiche del mare, Nello Musumeci, intervenuto al convegno “Aquae: la Terra ha sete di azioni concrete” ha dichiarato come “Il nostro mare è stato sfruttato in maniera indiscriminata”. Musumeci inoltre riporta l’intenzione di “trovare le necessarie risorse perché si possa avviare una fase di recupero dei fondali marini”.

Prendersi cura del Creato

“L’acqua non può essere oggetto di sprechi o di abusi, o motivo di guerre, ma va preservata a beneficio nostro e delle generazioni future” ha ribadito Papa Francesco in un appello al termine dell’udienza generale. Il Pontefice ha voluto ricordare anche le parole di San Francesco d’Assisi: “Laudato sì, mi Signore, per sora acqua, la quale è molto utile e umile, e preziosa e casta”.  Infine ha sottolineato come “in queste parole semplici sentiamo la bellezza del creato e la consapevolezza delle sfide che implica il prendersi cura”.

 

 

 

Rosario Federico

Nato a Napoli il 20 giugno 1998. Laureato in Scienze della Comunicazione, Informazione e Marketing alla LUMSA. Master di I livello in Radiofonia all'Università Suor Orsola Benincasa di Napoli. Appassionato di Cinema e Serie Tv.