Fan del Marocco festeggiano dopo la vittoria sotto l'Arc du Triomphe a Parigi

Il miracolo del Maroccotravolge la Spagnaiberici fuori dai Mondiali

La vittoria ai rigori è festa globale Persone in strada da Parigi a Rabat

Clamore e gioia tutta africana per la vittoria ai rigori del Marocco sulla Spagna nell’ultima partita degli ottavi dei Mondiali in Qatar. Un “derby del Mediterraneo” fatto di 90 minuti di tensione che hanno relegato la favoritissima Roja al fallimento dell’impresa di Doha. Un match da Davide contro Golia esploso in festeggiamenti globali: dalle strade di Rabat alle piazze di Firenze, Parigi, Losanna, fino al palazzo di re Mohammed VI, che ieri ha telefonato all’allenatore Walid Regragui per porgergli le congratulazioni. Il sovrano degli sconfitti, Re Felipe VI di Spagna, ha promesso invece che “da qui comincia un grande futuro per la nazionale”.

Il gigante portoghese non ha avuto invece troppa difficoltà nell’affrontare la Svizzera, che si ferma agli ottavi dopo aver incassato ben sei reti e aver segnato timidamente una volta sola. Un match in cui la leggenda vivente di Cristiano Ronaldo è stata messa in ombra dal ventunenne Gonçalo Ramos, che ha apparecchiato una tripletta stupefacente. Intanto Ramos potrà riposarsi: per venerdì previste le prime due partite di quarti, alle 16 Croazia – Brasile e alle 20 Olanda – Argentina.

Il Portogallo ora attende la resa dei conti col Marocco, attesa per le ore 16 di sabato prossimo, prima della sfida serale tra Inghilterra e Francia. Un altro duello iberico per la squadra di Yassine Bounou, il portiere marocchino che ha eroicamente parato tre decisivi rigori. Bono ha rivelato il suo debito spirituale con il protagonista di Italia ’90 Sergio Goycoechea, che a forza di parare rigori trascinò la sua Argentina in finale. Un Mondiale di “emozioni incredibili” che per il presidente della Fifa Gianni Infantino “arriverà a 5 miliardi di telespettatori e a tutti e 5 i continenti”.

Alberto Alessi

Sono nato 2751 anni dopo Roma, appassionato di giornalismo politico ed estero, nonché di giornalismo d'inchiesta investigativo. Aspiro a scrivere ma tenendo un occhio al mondo radiofonico e tele-giornalistico. Sogno vagamente di trovare una nuova dimensione per l'infotainment contemporaneo.