In Messico pretendono chiarezza sulla sorte di 43 studenti scomparsi

Foto Ansa

Un corteo guidato da amici e familiari degli studenti dello stato di Guerrero, scomparsi nel 2014, ha sfilato nel centro di Città del Messico per chiedere giustizia e verità per i propri cari. A quattro anni di distanza non si hanno ancora notizie sulla sorte dei 43 allievi della scuola di Ayotzinapa. Sotto accusa sono finiti l’indagine della Procura e l’operato del presidente riformista Enrique Nieto, prossimo alla conclusione del mandato.

Giulia Torlone

Aquilana di nascita, si è laureata in Italianistica e vive a Firenze. Ha lavorato nel settore della cooperazione internazionale occupandosi di ufficio stampa. Redattrice su temi di diritto alla cittadinanza e giustizia sociale, ha concentrato il suo lavoro sui Paesi del bacino del Mediterraneo.