Inarrestabile Irma, il ciclone più potente dell’Atlantico nell’ultimo decennio

Foto Ansa

Le cifre parlano di dieci vittime sul territorio delle Piccole Antille, due a Puerto Rico. Con altri tre morti accertati nelle Isole Vergini, sale ad almeno 13 il bilancio totale delle vittime dell’uragano Irma. Repubblica Domenicana, Haiti, a Cuba e isole Bahamas, i territori che in queste ore si stanno preparando all’impatto.

“Il territorio statunitense sta subendo danni catastrofici”, ha spiegato il governatore Kenneth Mapp. Tra le isole più colpite, St. Thomas e St. Johns. Una situazione aggravata dalle strade ora inaccessibili che rendono i soccorsi difficili.

Traffico da incubo nel sud della Florida, dove ormai da ore è iniziata l’evacuazione di circa mezzo milione di persone in fuga dall’uragano. Secondo le previsioni, Irma potrebbe abbattersi sulla costa di Miami e dell’arcipelago delle Keys nel fine settimana. Il governatore Rick Scott ha per questo ordinato la chiusura di scuole, campus universitari e uffici pubblici nell’intero stato.

Nel frattempo il presidente Donald Trump ha contattato telefonicamente i governatori di Puerto Rico, Florida e Virgin Island, rassicurandoli sull’impegno del governo ad aiutarli.

Giulia Turco

Giulia Turco, 22 anni. Approda al Master in Giornalismo dopo la Laurea triennale in Lettere Moderne, conseguita a Bologna, la sua città. Inglese, francese, spagnolo le lingue apprese durante gli studi, che le permettono di coltivare una delle sue più grandi passioni: il viaggio. Parole chiave: curiosità, passione, determinazione. Fanno di lei un occhio attento, pronto a cogliere e interpretare i grandi e piccoli cambiamenti delle società di oggi.