Migranti, il muro dell'Est sulle quote obbligatorieÈ scontro a Bruxelles

Dai paesi Visegrad 36 mln per la Libia Gentiloni: "Soluzione entro fine anno"

Nella discussione in Ue sui migranti “c’è uno scoglio”, ha detto il premier Paolo Gentiloni, poco prima di entrare al summit di Bruxelles. Uno scoglio ben visibile, quello menzionato dal Presidente del Consiglio che riguarda le regole di Dublino e i confini interni tra Paesi europei. I paesi Visegrad (Polonia, Ungheria, Repubblica Ceca e Slovacchia) continuano a rifiutare l’obbligatorietà delle quote di ripartizione dei rifugiati e di riforma del Trattato di Dublino, che al momento assegna i profughi al Paese di primo arrivo, penalizzando principalmente i paesi geograficamente più vicini, ovvero Italia, Grecia e Spagna.

E se anche il presidente del Consiglio Europeo, Donald Tusk, abbandona la neutralità richiesta al suo ruolo, schierandosi al fianco di Visegrad, la cortina di ferro sarà ancor più difficile da abbattere. I quattro paesi hanno versato ieri 36 milioni al Trust Fund Ue per l’Africa: fondi destinati a finanziare i progetti italiani in Libia. Ma non basta. “Sul fronte delle misure interne all’Ue non c’è moltissimo consenso”, spiega il premier irlandese Leo Varadkar: “Ci sarà una nuova discussione sia a marzo che a giugno”, ai prossimi vertici Ue in programma.

Per quanto l’Italia voglia evitare la rottura, Gentiloni è irremovibile, spiegando che insieme alla Francia e alla Germania, farà “ogni sforzo possibile per arrivare a una soluzione consensuale. E bisogna provare a fare un passo avanti a giugno, arrivando poi a concludere entro la fine dell’anno”. La proposta del presidente del Parlamento Europeo Antonio Tajani è quella di mettere nell’angolo i paesi dell’Est facendo passare la riforma con «voto a maggioranza qualificata» dei ministri dell’Interno anziché con il voto all’unanimità. In questo modo non peserebbe neppure l’ostruzionismo dei quattro paesi dell’est.

Luisa Vittoria Amen

Nata a Genova nel 1991 si laurea in Lingue e Culture moderne all'Università LUMSA di Roma. Dal 2014 è fashion editor e content writer di Pinkitalia, canale donna di QN di cui cura i contenuti moda e beauty. Viaggiatrice instancabile, lettrice onnivora, cinefila appassionata.