Mondiali 2022, agli Azzurribastano due punti per esseretesta di serie nei gironi

Polonia e Bosnia le prossime avversarie Il 7 dicembre a Zurigo il sorteggio

La convincente vittoria degli Azzurri contro l’Estonia proietta la Nazionale italiana verso le prime dieci posizioni del ranking Fifa. Il 4-0 di ieri sera, firmato dalla doppietta di Grifo, da Bernardeschi e Orsolini, permette ai ragazzi di Roberto Mancini di ottenere punti importanti in vista dei sorteggi di Qatar 2022, dandogli la concreta possibilità di essere una delle teste di serie.

Sarà sufficiente conquistare due punti nei prossimi due impegni. La partita contro l’Estonia ha messo in luce un buono stato di forma e ha dato ulteriore fiducia a un gruppo in continua crescita. Nonostante il livello dell’avversario non fosse dei più stimolanti, la formazione scesa in campo ha mantenuto alta la soglia di attenzione durante tutti i novanta minuti.

Questo fa ben sperare il tecnico Mancini, fiducioso in vista degli ormai prossimi sorteggi dei Mondiali, in programma il 7 dicembre a Zurigo. Prima di questa data l’Italia se la vedrà con Polonia e Bosnia.

La prima partita, in programma domenica 15 novembre, sarà fondamentale poiché potrebbe già regalare agli Azzurri l’accesso nella top ten del ranking Uefa. Di certo sarà un match più impegnativo ed equilibrato rispetto all’amichevole giocata ieri sera, ma si proverà a chiudere la pratica con una vittoria. L’ultimo precedente tra le due squadre è uno 0-0 con poche emozioni risalente allo scorso 11 ottobre, incontro dominato dalla Nazionale italiana che non era stata in grado di concretizzare le occasioni avute.

La gara contro la Bosnia, invece, si giocherà a Sarajevo mercoledì 18 novembre. Lo staff tecnico spera di recuperare Lorenzo Pellegrini, risultato positivo al coronavirus nella giornata di martedì.

Nel caso in cui l’Italia dovesse riuscire a conquistare due pareggi o una vittoria nei due match in questione, si aggiudicherà uno dei quattro posti ancora mancanti nello scacchiere delle teste di serie. Sei delle dieci posizioni, infatti, sono state già assegnate a Belgio, Francia, Inghilterra, Portogallo, Spagna e Croazia.

Paolo Consolini

Mi chiamo Paolo Consolini e sono nato il 1 marzo 1998 a Roma. Sono laureato in Scienze della Comunicazione presso l’Università LUMSA. Seguo con passione lo sport, in particolare il calcio estero.