Si avvicina l'assegnazione del Pallone d'oro 2018Ipotesi esclusione Ronaldo

Due francesi e un croato in lizza L'era Messi-Ronaldo forse conclusa

Manca poco al 3 dicembre, data in cui sarà assegnato il Pallone d’oro 2018. Sono già circolate le prime indiscrezioni sui papabili finalisti che si contenderanno il prestigioso riconoscimento. L’Equipe ha infatti diffuso un video di promozione dell’evento, in cui si ha la percezione che alla fine a contendersi il trofeo sarà il trittico composto dai francesi Kylian Mbappé e Raphael Varane e il croato Luka Modric. I primi due si sono laureati campioni del mondo proprio questo anno con la nazionale transalpina, mentre il terzo, oltre ad aver vinto la Champions League della passata stagione con il Real Madrid, è stato anche insignito del premio come Uefa Player of the Year che sancisce il miglior giocatore d’Europa.

Se l’indiscrezione sui tre finalisti dovesse essere confermata, sarebbe clamorosa l’esclusione di Cristiano Ronaldo, che è stato il vincitore del Pallone d’oro nelle ultime due edizioni. Altro illustre assente sarebbe Lionel Messi, l’argentino che negli ultimi undici anni è sempre rientrato tra i tre finalisti. Inoltre, sarebbe una sorpresa anche non trovare il nome di Antoine Griezmann, che nella scorsa stagione ha vinto L’Europa League con l’Atletico Madrid e il Mondiale con la nazionale francese.

Sembra dunque che l’era di Ronaldo e Messi si stia avviando alla conclusione. Negli ultimi dieci anni il portoghese e l’argentino si sono spartiti le vittorie per un totale di cinque Palloni d’oro a testa. Non è un mistero il fatto che a Ronaldo non piaccia perdere. Si ricordi come il portoghese non abbia per nulla gradito la vittoria di Modric come miglior giocatore d’Europa. In polemica, il giocatore della Juventus disertò addirittura l’evento dello scorso agosto in cui fu consegnato il trofeo al croato.

Se invece Varane e Mbappé fossero realmente i finalisti, ci sarebbe un ricambio generazionale ai vertici del calcio mondiale. I due francesi hanno infatti rispettivamente 25 e 19 anni. Più maturo invece il croato che ha 33 anni. Non resta che attendere il verdetto del prossimo tre dicembre.

Diana Sarti

Nata a Roma nel 1995, si è laureata in scienze politiche alla Luiss. Scrive soprattutto per il web, con particolare attenzione agli esteri. Appassionata di teatro e Giochi olimpici, ha scritto spesso di nuoto e atletica leggera. Viaggiatrice da sempre e poliglotta, parla cinque lingue.