Tensione Usa - Nord Coreaper lancio nuovo missileTrump chiede reazione Onu

La Cina vuole "pace e diplomazia" Mosca: "L'America vuole provocare Kim"

“Bisogna tagliare tutti i rapporti con Pyongyang” tuonano gli Usa, diretti all’intera comunità internazionale e soprattutto a Pechino, a cui si chiede anche di sospendere la fornitura di petrolio. La volontà americana è quella di interrompere le esportazioni e i finanziamenti diretti verso il regime coreano. Succede dopo l’ennesimo lancio di un missile balistico da parte della Nord Corea, avvenuto ieri. Secondo i militari di Seul, l’arma intercontinentale avrebbe una fattura diversa dall’Hwasong-14 testato a luglio. “Ci sono differenze chiare su design della testata, connessione tra primo e secondo stadio e dimensione complessiva”, afferma Roh Jae-cheon, portavoce del Comando di stato maggiore congiunto. L’Hwasong-15 ha percorso una traiettoria di 950 chilometri, arrivando a un’altitudine di 4.475 prima di atterrare a meno di trecento chilometri dalle coste giapponesi, 53 minuti dopo (lo rende noto l’agenzia Kcna).

Donald Trump, dal suo comizio in Missouri, legge le provocazioni nordcoreane come vere e proprie minacce. Quel “cagnolino malato”, quel “piccolo rocket-man”: definisce così il leader Kim Jong-un, che sorride immortalato poco prima del lancio del suo nuovo missile. Una riflessione che deve aver già fatto Rex Tillerson, il segretario di Stato americano, che dopo le affermazioni del presidente si è affrettato ad aprire un canale diplomatico.

“Ora la guerra è più vicina” dice invece Nikki Haley, l’ambasciatrice americana all’Onu. “Il lancio del missile è un’azione che avvicina il mondo alla guerra, non lo allontana. Anche se è un conflitto che gli Usa non cercano e se ci sarà una guerra, il regime nordcoreano sarà completamente distrutto”. Le Nazioni Unite, nonostante l’impegno del Tesoro americano per imporre nuove sanzioni alla Nord Corea, hanno per ora rimandato ulteriori misure punitive. Dalla Cina arrivano appelli alla pace e alla ragionevolezza: “La guerra non è un’opzione”, ha ribadito il ministro della difesa Chang Wanquan.

Parla anche il ministro degli Esteri russo, Serghei Lavrov, che indica le azioni di Trump come deliberatamente provocatorie: “Gli americani devono spiegare a tutti che cosa vogliono ottenere. Se vogliono trovare un pretesto per distruggere la Corea del Nord, allora che ce lo dicano schiettamente e che lo confermino le autorità supreme Usa: allora prenderemo la decisione su come potremo reagire”.

Gloria Frezza

Gloria Frezza (Ortona a Mare, 13/12/1991) Nel 2010 si trasferisce a Roma per studiare Lettere Moderne all’Università La Sapienza. Completato il ciclo triennale, intraprende una Laurea Magistrale in Editoria e Scrittura nel medesimo ateneo, che conclude con il massimo dei voti nel gennaio 2016. Dal 2014 collabora con la testata online “Ghigliottina”, scrivendo di cultura ed eventi. Dall’ottobre 2016 è iscritta al Master Biennale in Giornalismo dell’Università Lumsa di Roma.