Harim, Siria, l'8 febbraio 2023 | Foto di Epa/Karam Al-Masri

Terremoto in Turchia e SiriaDamasco consente gli aiutialle aree dei gruppi ribelli

Altre due persone estratte dalle macerie Per l'Onu inizia la fase umanitaria

ISTANBUL – Sale il numero delle persone estratte dalle macerie, dopo il terremoto che il 6 febbraio ha devastato la regione al confine tra Turchia e Siria. Sono otto mila i sopravvissuti salvati dai palazzi crollati, secondo quanto annunciato dal presidente turco Recep Tayyip Erdogan. Ma il bilancio delle vittime, ora intorno a 41mila, è destinato a crescere ancora. Forse perfino a raddoppiare. In una Siria già sfigurata da 12 anni di guerra i morti accertati sono oltre 10mila, equamente distribuiti tra le zone amministrate dal governo e quelle sotto il controllo dei ribelli. Il Segretario generale dell’Onu Antonio Guterres ha annunciato la decisione del presidente siriano Bashar Al-Assad di consentire ai soccorsi l’accesso ai territori occupati dai gruppi ribelli. L’apertura dei due valichi di Bab Al-Salam e Al Ra’ee è fondamentale per consentire la tempestiva consegna di aiuti umanitari alla popolazione siriana colpita dalla catastrofe. Oltre a facilitare la distribuzione di alimenti, coperte e beni di prima necessità, la misura consentirà di accelerare l’approvazione dei visti.

Continuano i miracoli

La terra si è spostata di 4 metri, e con il passare delle ore la speranza di trovare dei sopravvissuti comincia a scemare. Ma nonostante le difficoltà la protezione civile continua a lavorare, con dei risultati che tengono alto il morale di chi spera che amici e familiari possano ancora essere salvati. Il presidente turco ha affermato che oltre 81mila persone ferite sono state dimesse dagli ospedali. Dopo i salvataggi di ieri, 13 febbraio, in Turchia, dove sono state estratte dalle macerie dopo oltre 170 ore una bambina di 6 anni, una donna di 70 e un ragazzo di 12, anche oggi continuano quelli che sembrano essere dei miracoli. Due persone sono state tratte in salvo nella provincia turca di Kahramanmaras, dopo essere rimaste intrappolate per 198 ore sotto i resti dei palazzi crollati.

Hatay, Turchia, il 7 febbraio 2023 | Epa/Erdem Sahin

Inizia la fase umanitaria

Il capo degli aiuti delle Nazioni Unite Martin Griffiths, in visita nella città siriana di Aleppo, ha dichiarato che la fase di salvataggio, cioè quella dell’estrazione delle persone dalle macerie, sta finendo. Ora comincia quella umanitaria, e si tratta di assicurare ai civili colpiti un riparo e del cibo. Ma anche un’indispensabile assistenza psicologica, che li aiuti a immaginare un senso del futuro.

Veronica Stigliani

Laureata in Relazioni Internazionali presso l’Università di Bologna nel 2019 con una tesi intitolata "States and non-state actors in the Middle East", collaboro con The Euro-Gulf Information Centre (EGIC), OSMED-Osservatorio sul Mediterraneo e La fionda.