epa06202956 US President Donald J. Trump (C) delivers remarks during a bipartisan meeting of US representatives on tax reform in the Cabinet Room of the White House in Washington, DC, USA, 13 September 2017. EPA/SHAWN THEW

“Trump è un suprematista”Furia della Casa Biancaper il tweet di una reporter

Chiesto licenziamento della giornalista che sui social criticava il presidente

Due giorni fa Jemele Hill, conduttrice della tv nazionale ESPN, aveva definito con un tweet il presidente americano Donald Trump “un suprematista bianco, che si è ampiamente circondato di altri suprematisti bianchi”. Utilizzando il suo account personale, come un qualsiasi altro utente di Twitter.

Jemele Hill certamente non immaginava che per questo cinguettio si sarebbe ritrovata al centro della tempesta perfetta. Un tiro al bersaglio scatenato dal presidente stesso, furioso per il commento. Con l’intera Casa Bianca, staff presidenziale e portavoce a chiedere pubblicamente il licenziamento della giornalista.

“Si tratta di uno dei commenti più oltraggiosi che qualcuno potesse fare, e certamente è un’offesa per cui la ESPN può licenziare”, ha dichiarato ieri ufficialmente la portavoce della Casa Bianca Sarah Huckabee Sanders. La direzione del network televisivo ha già mandato in onda scuse ufficiali, sottolineando che le opinioni espresse dalla conduttrice “non rappresentano la posizione di ESPN”.

Il tiro incrociato da parte dell’amministrazione Trump, che ha avuto come bersaglio la Hill, sta suscitando però molti dubbi nell’opinione pubblica e nella comunità degli intellettuali statunitensi: in ballo il tema delicatissimo della libertà di espressione.

Siria Guerrieri

Dottore di Ricerca, giornalista con la passione per Politica ed Esteri fin dai tempi dell’università. Nel 2010 e nel 2011 è a Washington DC per una borsa post-doc. Dal 2014 al 2016 collabora con la redazione di Rassegna, Rassegna.it e Liberetà, occupandosi di esteri e politiche dell'Unione Europea.