Italian Prime Minister Mario Draghi attends his year-end press conference in Rome, Italy, 22 December 2021. In his speech, the Italian Prime Minister hinted that he would be inclined to accept being head of state when the position opens in January 2022, saying that his government has laid the foundation for his work to be continued regardless of who is at its helm. ANSA/Riccardo Antimiani

Draghi: "Attacco a centrale nucleare di Zaporizhzhiaatto grave. Ue deve reagire"

Sibilia: "Attivata Difesa civile" Oggi seconda fiaccolata solidale a Roma

Le istituzioni politiche italiane condannano l’attacco da parte della Russia alla centrale nucleare di Zaporizhzhia in Ucraina. Il presidente del Consiglio Mario Draghi ha detto che si tratta di un’azione che mina la sicurezza di tutti: “L’Unione europea deve reagire unita insieme agli alleati per sostenere l’Ucraina e proteggere i cittadini europei”. Appello a cui si aggiunge quello dell’ex premier Giuseppe Conte su Twitter: “L’attacco russo alla centrale nucleare di Zaporizhzhia, la più grande d’Europa, è di una gravità inaudita. Alle terribili sofferenze che sta subendo la popolazione ucraina si aggiunge anche una grave minaccia per la sicurezza di tutti”.

Il sottosegretario all’Interno Carlo Sibilia si è soffermato sulla posizione dell’Italia. Ha spiegato che “non siamo in guerra. È però necessario prepararsi ad ogni scenario: stiamo attivando in queste ore le strutture della Difesa civile per pianificare le misure da adottare”.

Attesa per oggi la seconda fiaccolata a Roma contro la guerra. Dopo l’evento di venerdì scorso, il sindaco Roberto Gualtieri ha voluto replicare il gesto di vicinanza verso la popolazione ucraina: “Mi unirò ai romani per portare la nostra solidarietà. Non ci fermeremo, cercheremo di esprimere costantemente il nostro sostegno”.

Antonio Contu

Nasco a Cagliari il 19/09/1996. Ho conseguito la maturità classica nella mia città e successivamente ho preso un volo di sola andata verso Roma per la laurea triennale. Curioso fin da bambino, le mie prime parole sono state "che cos'è?", sono da sempre appassionato al mondo giornalistico, soprattutto quello moderno. Amo scrivere e parlare di calcio. Da novembre 2020 frequento il Master in Giornalismo della Lumsa.