Calenda-Renzi, pace fatta?"È lui il candidato del Pd"E attacca la Raggi su Roma

Non più un'alternativa al segretario dem E c'è chi parla di candidatura a Sindaco

Sulla scena politica nazionale, almeno nelle fila del Partito Democratico, un ruolo importante sembra averlo assunto sempre di più il ministro dello Sviluppo Economico Carlo Calenda. Il suo nome, in passato, era circolato, secondo qualche retroscena, lontano dalla leadership di Matteo Renzi.

Scenari improbabili e che sembrano smentiti dallo stesso ministro, come riporta anche Repubblica Tv. Ci sarebbe infatti un riavvicinamento con il segretario del Pd, dopo alcune polemiche nate nelle scorse settimane che lo volevano addirittura come un candidato alternativo a Renzi a Palazzo Chigi.

Calenda ha detto di accogliere l’invito dell’ex premier a far cessare le divisioni all’interno del Pd e che considera “Renzi il centravanti di sfondamento” del partito e dunque, in quanto segretario, l’unico “candidato del Pd”, così come da statuto.

Il nome del ministro dello Sviluppo Economico continua comunque a tenere banco, non solo per la vicenda Ilva, ma anche sulla questione Roma Capitale. Sull’acciaieria di Taranto, oggi Il Fatto Quotidiano propone una ricostruzione dei fatti secondo la quale proprio l’arrivo di Carlo Calenda alla guida del ministero, nel maggio del 2016, avrebbe favorito i gruppi ArcelorMittal e Marcegaglia nella gara per l’acquisto della società.

Un altro capitolo è invece quello su Roma. Più volte il ministro, insieme al Governo e allo stesso premier Gentiloni, si è scontrato con l’amministrazione grillina guidata dalla Raggi, soprattutto sulla necessità di istituire un tavolo su Roma. «Non possiamo pensare – ha detto appena due giorni fa – che sulla Capitale d’Italia stiamo qui sulla riva ad aspettare il cadavere che passi». Al momento, ha spiegato, «il tavolo su Roma rimane fantasma e per questo conto di rompere le scatole alla sindaca in modo costruttivo». E sull’iniziativa ha poi chiarito che «la crisi di Roma è una crisi di struttura industriale della città. Il tavolo, infatti, non aveva l’obiettivo di individuare una responsabilità sul declino, perché sono problemi che vengono la lontano, bensì di individuare le cose su cui Roma può avere una leadership internazionale, cose che non si possono fare subito ma che vanno iniziate subito». Un interessamento, quello di Calenda nei confronti di Roma, che ad alcuni è sembrato sospetto, tanto da far ipotizzare – senza però al momento nessuna conferma – una sua futura candidatura a sindaco della Città Eterna.

Salvatore Tropea

Classe 1992, dopo la maturità scientifica si laurea in Scienze della Comunicazione alla Lumsa. Collabora con il mensile locale calabrese L’Eco del Chiaro; con il giornale studentesco e la WebTV della Pontificia Università Lateranense e con il portale online farodiroma.it. Attualmente frequenta il Master in Giornalismo alla Lumsa, dopo aver frequentato il Master in Digital Journalism alla Lateranese e aver svolto due mesi di stage a Radio Vaticana. Con il Master in Giornalismo della Lumsa ha svolto tre mesi di stage presso la redazione de Il Venerdì di Repubblica e attualmente sta svolgendo uno stage di tre mesi presso la redazione italiana di Vatican News