Champions, la Juve a MadridÈ ancora derby per RonaldoSarà il talismano di Allegri

Europa League, la Lazio vola a Siviglia Domani Napoli-Zurigo e Inter-Rapid

Poco più di sei mesi dopo Ronaldo torna a Madrid, la città dove ha vissuto e vinto tutto per nove anni, indossando la camiseta blanca del Real. Alle 21 di questa sera la Juventus giocherà l’andata del suo ottavo di finale di Champions League contro l’Atletico. Massimiliano Allegri si affiderà ad un rinato Dybala in attacco, alle spalle di Mandzukic e Ronaldo. L’allenatore della Juve potrà contare sulla storia del portoghese contro i “colchoneros”: 22 goal segnati nei derby di Madrid e due finali di Champions vinte contro l’Atletico. Dall’altro lato del campo giocherà Alvaro Morata, ex del Real e soprattutto della Juventus: “In Italia i bianconeri restano la mia squadra del cuore – ha dichiarato ad As – ma se dovessi segnare esulterò”.

Sempre questa sera il Manchester City di Pep Guardiola, tra i favoriti per la vittoria finale, sfiderà i tedeschi dello Shalke 04 a Gelsenkirchen in un match il cui esito potrebbe sembrare scontato solo in apparenza. La Champions riserva sempre delle sorprese, come nei match di ieri sera, con il Barcellona che non è riuscito a passare a Lione, bloccato sullo 0-0. Stesso risultato ottenuto da Liverpool e Bayern Monaco in Inghilterra: la partita che si preannunciava come la più spettacolare del turno, seppure con due squadre penalizzate dagli infortuni, ha deluso gli spettatori.

Alle 18 di oggi la Lazio di Inzaghi affronterà il Siviglia in Spagna nei sedicesimi di Europa League, per cercare di ribaltare lo 0-1 dell’andata all’Olimpico. I biancocelesti faranno ancora una volta affidamento su Ciro Immobile, che torna nella città dove in passato non ha sfondato proprio tra le fila del Siviglia, anche se il bomber napoletano si trova in un pessimo periodo di forma. Infine domani Napoli e Inter ospiteranno Zurigo e Rapid Vienna per confermare le vittorie dell’andata e accedere agli ottavi di Europa League.

Tommaso Coluzzi

Tommaso Coluzzi è nato e cresciuto a Roma, ha ventiquattro anni, un sacco di macchinette fotografiche ed una laurea in Comunicazione. Ama scrivere di tutto e si interessa, in ordine sparso, di dinamiche culturali internazionali, cinema, musica e tutto ciò che è catalogabile in ambito artistico