Malagò vede Giorgettisulla riforma del ConiRiparte la trattativa

Mornati parla di un "confronto proficuo" Giovedì nuovo vertice sulle Olimpiadi

Dopo le tensioni delle scorse settimane riparte la trattativa sulla riforma del Coni, il Comitato olimpico nazionale italiano, tra il suo presidente Giovanni Malagò e il governo, rappresentato dal sottosegretario alla presidenza del Consiglio Giancarlo Giorgetti.

Ieri pomeriggio i due si sono incontrati a Palazzo Chigi e hanno avuto circa due ore di confronto. Assieme a loro l’altro sottosegretario Simone Valente e diverse componenti del mondo sportivo. L’incontro è stato definito dal segretario generale del Coni, Carlo Mornati, delegato da Malagò a parlare con i giornalisti al termine del confronto, “proficuo, interlocutorio e molto più propositivo di quanto si possa immaginare dall’esterno”.

Si è parlato della norma in discussione in Parlamento che prevede la nascita dell’ente sostitutivo del Coni, contestata dai suoi vertici. “La norma è aperta a qualsiasi cambiamento, anche l’atto governativo: come va scritta e i numeri da mettere non sono definiti”, ha spiegato Mornati.

“Potrebbero esserci delle specifiche più chiare sulla base di incontri che stiamo facendo – ha poi aggiunto -. È una norma aperta, ne sono consapevoli e quindi c’è piena disponibilità ad ascoltarci. Dipende come si tradurrà quando avremo un quadro normativo ben chiaro, oggi è tutto in itinere”.

Tra i punti ancora in discussione ci sono le nomine dei vertici di ‘Sport e Salute’, i finanziamenti alle Federazioni e la gestione di contratti e infrastrutture gestiti dal Coni. Giovedì ci sarà un altro vertice a Palazzo Chigi sulla candidatura olimpica di Milano-Cortina 2026, ma si potrebbe parlare di nuovo della riforma.

Già certa la necessità di un nuovo faccia a faccia: “Prevediamo di incontrarci di nuovo entro il fine settimana. Stiamo capendo cosa c’è nella testa del governo e al tempo stesso il governo capisce quali sono le dinamiche sportive”, anticipa Mornati, che ha chiosato: “Dobbiamo definire il tutto entro dieci giorni”.

Giacomo Andreoli

Nato a Roma il 16/08/1995. Laureato triennale in Filosofia all'Università degli Studi Roma Tre, ha collaborato con il magazine "Wild Italy" ed il quotidiano del litorale romano "Il Corriere della Città". Si è occupato principalmente di cronaca e politica locale (Anzio, Aprilia, Latina, Pomezia, Roma) e nazionale-europea (con focus ed approfondimenti).