Schumacher in cura a ParigiTrattamento "top secret"con le cellule staminali

L'esperto italiano: "giusto provare" L'ex pilota forse dimesso già domani

Nei giorni in cui il giovane Leclerc riaccende la passione Ferrari, la famiglia di Michael Schumacher si aggrappa alla speranza.  Stando al quotidiano Le Parisien, il sei volte campione del mondo tedesco è ricoverato all’ospedale europeo Georges Pompidou, nel VX arrondissement di Parigi, dove sta venendo sottoposto a una trasfusione di cellule staminali. Il trattamento dovrebbe essere diretto dal professor Philippe Menasché, celebre chirurgo cardiaco e membro del consiglio d’amministrazione dell’Istituto del cervello e del midollo spinale. Il medico è ritenuto un pioniere della terapia cellulare nella cura dell’insufficienza cardiaca.

Questa nuova terapia, che l’ospedale non ha né confermato né smentito, dovrebbe essere iniziata oggi e vertere sulla trasfusione di cellule staminali nell’organismo allo scopo di ottenere un’azione “anti-infiammatoria sistemica”. Per i media francesi Schumacher, assistito in ospedale dal chirurgo ortopedico e suo amico personale Gerard Saillant, potrebbe lasciare l’ospedale già domani. Comunque per l’ex pilota non sarebbe il primo viaggio della speranza a Parigi.

Per Angelo Vescovi, direttore scientifico dell’IRCCS Casa Sollievo della Sofferenza, “è giusto provare una terapia sperimentale”, nella consapevolezza delle tante incognite.

L’augurio di tutto il popolo della Rossa e in generale dello sport è che questo delicato trattamento possa segnare una svolta nel calvario di Michael Schumacher, diventato paraplegico a seguito di un incidente sciistico avvenuto il 29 dicembre 2013 a Méribel (Alpi francesi). Da allora è stato impossibile vederlo in pubblico e molte poche sono state le informazioni filtrate sul suo stato di salute.

Giulio Seminara

Nato a Catania il 6 dicembre del 1991. Diplomato al liceo classico e laureato in Lettere Moderne con una tesi su Pier Vittorio Tondelli. Ha lavorato a LA7 come programmista e scritto per diversi quotidiani. Appassionato di cinema, politica e calcio. Gioca a ping pong, ascolta i cantautori e i Placebo.