Valanga rosa ad Aspencon 43 podi stagionaliè record dopo 21 anni

Bassino vince il premio Fis giovani Lo sci italiano è il secondo al mondo

«Abbiamo cantato l’inno nazionale a squarciagola», confessa Federica Brignone al termine dei festeggiamenti. Tre sciatrici italiane nei primi tre posti: una tripletta storica che mancava da 21 anni. L’ultima prova di gigante della coppa del mondo di sci disputata ieri ad Aspen corona una stagione record per le sciatrici azzurre, con 43 podi.

Tripletta ad Aspen. Era l’ultimo gigante donne della stagione e le speranze azzurre erano alte. Ma la tripletta è giunta inattesa: vince Federica Brignone, a seguire Sofia Goggia e Marta Bassino. Brignone ha vinto con un distacco abissale pari a 1 minuto e 44 secondi su Goggia, lasciando la favorita Mikaela Shiffin al settimo posto. Per lei è la terza vittoria stagionale. Le azzurre confermano tutta la loro forza con il 13esimo podio stagionale di Goggia e il terzo della Bassino. Con il quinto posto, la coppa di gigante è andata alla campionessa del mondo, la francese Tessa Worley.

Giovane dell’anno. Un podio tutto di ragazze azzurre in gigante non si vedeva dal 1996 a Narvik, in Norvegia. Brignone, figlia d’arte, con la quinta vittoria in carriera, a 26 anni supera la regina della valanga rosa Ninna Quario, sua madre. Marta Bassino sarà fra le protagoniste future dello sci mondiale. La 21enne piemontese è stata insignita del titolo di miglior sciatrice giovane dell’anno dalla Federazione internazionale sci (Fis).

Azzurre da record. La stagione delle azzurre dello sci termina in modo meraviglioso con il nuovo record storico di 43 podi stagionali. Polverizzato il precedente primato di 38 ottenuto nella stagione 1996/97. Erano i tempi di Alberto Tomba e Debora Compagnoni. Altro record stagionale è quello di specialità, ottenuto in gigante con 11 podi stagionali. Battuto quello precedente di 10, che risaliva alla stagione 2007/08.

Ma non è tutto. Le ragazze azzurre sono la squadra più forte al mondo: con 4.911 punti hanno surclassato l’imbattibile Austria, ferma a quota 3.918. Altra soddisfazione per l’Italia è il secondo posto, alle spalle dell’Austria, nella classifica per nazioni: 8407 punti contro 8966. Dietro di noi, paesi con grandi tradizioni sciistiche come Svizzera, Francia, Stati Uniti e Norvegia.

Giordano Contu

Studia e vive a Roma. Nato in Sardegna, ma pisano di adozione, ha studiato Filosofia estetica e ha collaborato al quotidiano Il Tirreno. Si interessa di politica e cultura. Cura quotidianamente i social network. È impegnato socialmente e politicamente. Ama i paesaggi, la fotografia e il mare.