Gdf scopre truffa all'Inpsper oltre 400mila euroDenunciati 113 braccianti

Accusato anche titolare di un'azienda per prestazioni assistenziali non dovute

La polizia tributaria di Matera della Guardia di Finanza ha scoperto una truffa di oltre 400mila euro ai danni dell’Inps, messa in atto dal titolare di un’azienda agricola, una sua collaboratrice e 113 falsi braccianti, tutti denunciati.

Le indagini delle Fiamme gialle hanno fatto emergere che l’azienda agricola, “con artifici e raggiri consistiti nell’omettere di comunicare la cessata disponibilità di terreni agricoli e nel segnalare fittizie assunzioni e giornate lavorative ha indotto in errore l’Inps facendo conseguire ai falsi braccianti indennità di disoccupazione non dovute”.

La Guardia di Finanza ha calcolato oltre 19mila giornate lavorative fittizie e “indebite erogazioni di prestazioni assistenziali per oltre 400mila euro”, come si legge in un comunicato. È stato inoltre appurato che l’azienda in questione si è avvalsa di undici lavoratori irregolari, quindi in nero, per i quali ha consapevolmente omesso di indicare le giornate lavorative, “consentendo loro di beneficiare di prestazioni assistenziali altrimenti non previste”.

Salvatore Tropea

Classe 1992, dopo la maturità scientifica si laurea in Scienze della Comunicazione alla Lumsa. Collabora con il mensile locale calabrese L’Eco del Chiaro; con il giornale studentesco e la WebTV della Pontificia Università Lateranense e con il portale online farodiroma.it. Attualmente frequenta il Master in Giornalismo alla Lumsa, dopo aver frequentato il Master in Digital Journalism alla Lateranese e aver svolto due mesi di stage a Radio Vaticana. Con il Master in Giornalismo della Lumsa ha svolto tre mesi di stage presso la redazione de Il Venerdì di Repubblica e attualmente sta svolgendo uno stage di tre mesi presso la redazione italiana di Vatican News